Ricetta con il prosecco: l'insalata primaverile con vinaigrette al prosecco

21/04/2021
da Alberto Perini

La primavera inoltrata fa sempre venire voglia di uscire e stare all'aria aperta. Anche i pasti si fanno più leggeri e si prediligono ingredienti come frutta e verdura fresche per insalate o antipasti o aperitivi sfiziosi. Il Prosecco però resta un grande protagonista della cucina, anche in primavera-estate. Ottimo non solo per preparare risotti o secondi piatti, o per sfumare brodetti di pesce, si presta anche alla preparazione di insalate inedite, come questa con pere, pancetta e pecorino di cui ti diamo la ricetta. Ecco la nostra ricetta con il prosecco: l'insalata primaverile!

Cosa ti serve per prepararla (gli ingredienti)

Per preparare la gustosa ricetta con il prosecco chiamata "insalata primaverile", avrai bisogno di questi ingredienti, porzionati per due persone:

  • 200 grammi di Songino;
  • 100 grammi di lattuga Lollo o Gentilina;
  • Una pera succosa e matura;
  • 30 grammi di pancetta tagliata a dadini;
  • Due noci con gherigli puliti e sbucciati;
  • 100 grammi di formaggio al pepe;
  • Una cipolla fresca (cipollotto).
  • Sale e pepe secondo necessità.
  • Un cucchiaio di olio extra vergine di oliva
  • Vinaigrette al Prosecco

Come fare per preparare la tua insalata al Prosecco (procedimento)

  • Una volta che ti sarai procurato tutti gli ingredienti comincia con il lavare accuratamente il songino e la lattuga Lollo, e poi sbuccia la pera, elimina il torsolo e tagliala a cubetti.
  • Nel frattempo in una padella fai tostare la pancetta. Cerca di non farla bruciacchiare: la sua consistenza dovrà essere di croccantezza. Tienila da parte.
  • A questo punto puoi preparare la tua vinaigrette al Prosecco: una salsina che servirà ad insaporire e rendere più deliziosa la tua insalata. Fai così: prendi la padella in cui hai tostato la pancetta e a fiamma lenta fai sbollentare il cipollotto, che avrai tritato precedentamente, in un cucchiaio di acqua. Dovrà ammorbidirsi completamente e quasi perdere colore. È il momento di aggiungere il Prosecco: fai cuocere per una decina di minuti fino a quando non si crea una salsina. La salsina dovrà diventare cremosa e densa. Se necessario puoi addensare aiutandoti con dell'amido di mais o fecola di patate.
  • Taglia a cubetti il formaggio al pepe (in alternativa puoi usare del pecorino non stagionato).
  • È il momento di assemblare tutti gli ingredienti. Prendi un'insalatiera e versaci dentro prima di tutto il songino e la lollo. Aggiungi le pere a cubetti, il formaggio dadolato e la pancetta a striscioline. Condisci con la salsina al Prosecco e sala secondo gusto (ma potrebbe non essere necessario vista la sapidità del formaggio e della pancetta).
  • Al momento di servire aggiungi i gherigli di noce.

Cosa servire l’insalata al Prosecco

La tua insalata al Prosecco può essere gustata in abbinamento ad altre pietanze fresche e primaverili. Se ti va, ad esempio, puoi accompagnarla con dei crostini che avrai precedentemente riscaldato in forno. Potrai accostare anche delle foglie di salvia fritta, bigné salati, del formaggio fresco in piatto, erba cipollina, tartine condite come più ti piace. Insomma, tutto ciò che la tua fantasia ti suggerisce.

Quale vino accompagnerà le tue insalate primaverili?

Un ultimo aspetto da non trascurare sarà il vino da abbinare a questa pietanza. Ovviamente sarà un Prosecco, dai profumi floreali ed aroma fresco. Si tratta del jus migliore da abbinare a piatti estivi, come anche alle insalate di riso o di pasta. Il consiglio è quello di spaziare tra un Prosecco Superiore Exta Dry Conegliano Valdobbiadene Docg o un Prosecco Millesimato Doc, le cui caratteristiche meglio faranno risaltare la peculiarità del piatto.

Il Prosecco vince la sfida nella categoria degli Sparkling

06/04/2021
da Alberto Perini

Chi segue questo blog con attenzione ricorderà che già a gennaio abbiamo parlato del successo di vendita che il Prosecco ha avuto nel 2020. Successo per niente scontato, visto che a causa della pandemia che ha tenuto tutti in casa, i motivi per brindare sono stati pochi. Eppure i numeri, rispetto al 2019, in alcuni casi si sono mostrati addirittura in salita. Ora, alla fine del primo trimestre del 2021, sono noti i dettagli di questa crescita, e non mancano le sorprese. Il risultato è comunque quello del Prosecco come re incontrastato nella categoria degli sparkling (bollicine).

2020 difficile per il metodo classico, ma l'Italia tiene meglio rispetto alla Francia

Il 2020 è stato ad ogni modo un anno molto complicato per i produttori di spumanti metodo classico, ma bisogna sottolineare come in Italia gli spumanti del Nord-Est, Treviso Doc e Conegliano-Valdobbiadene Docg, stiano tenendo davvero bene. Il paragone lo si fa con i vini esteri, in particolare con quelli francesi (Champagne su tutti), i quali hanno registrato perdite maggiori. Per quanto riguarda i numeri, oltre al mezzo miliardo di bottiglie vendute nel 2020 per il Prosecco Doc, va sottolineato anche il risultato di tutto rispetto portato a casa dalle Docg Conegliano-Valdobbiadene (che con 92 milioni di bottiglie resta stabile) e Asolo, che addirittura registra un incremento di vendite quantificato in un +10%. Si registra inoltre un aumento consolidato nel consumo degli spumanti in generale in Italia, e un apprezzamento crescente verso i vini biologici. Da tenere d'occhio inoltre l'importanza sempre crescente dell'e-commerce, anche per questo settore, che rivela addirittura cifre come un +120% di fatturato per le prime piattaforme che nel 2020 hanno investito su questo canale di vendita, dimostrando che il vino (e il Prosecco) non conosce ostacoli nell'arrivare al consumatore.

Le sfide per il 2021: un ulteriore aumento dei consumi e regole più chiare per l'export

Il secondo trimestre del 2021 parte perciò soffermandosi sulle sfide che ancora devono essere affrontate, ma che saranno cruciali per tutto il resto dell'anno. Si deve innanzitutto tenere conto del fatto che aumenteranno via via le occasioni di utilizzo del Prosecco, con le graduali riaperture del canale ristorazione e bar. In secondo luogo vanno tenuti d'occhio mercati in costante espansione per l'export, come la Cina, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, anche post Brexit. Tutti e tre questi Paesi fanno infatti parte di mercati extra Ue, per cui i produttori di Prosecco chiedono regole e norme più chiare affinché l'export non venga frenato a causa della burocrazia.

Consolidamento dei mercati Nord-europei e l'apporto positivo del Prosecco Rosé

Altri aspetti di cui tener conto nello spiegare la crescita del Prosecco nonostante un intero anno di pandemia, hanno a che fare da una parte con il consolidamento di alcuni mercati per l'esportazione, e dall'altra con il successo del Prosecco Rosé. Per il primo motivo si insiste sullo zoccolo duro di alcuni mercati europei, come quello del Nord Europa (Danimarca in primis) e della Germania. Si punta poi a mercati che potrebbero dare grandi soddisfazione, come quello spagnolo e quello russo. Per quanto invece concerne il boom del Prosecco Rosa, i risultati di vendita hanno superato anche le previsioni più ottimistiche. Segno che il Prosecco è un vino buono, di altissima qualità ma alla portata di tutti. Forse è proprio questo il segreto del suo successo, considerato che la crisi più nera è stata avvertita invece dai vini di fascia alta ed altissima, come certi tipi di Champagne francese.

Venezia brinda ai suoi 1600 anni dalla fondazione con il Prosecco Doc

01/04/2021
da Alberto Perini

Il 25 marzo del 2021 è una data molto importante per l'Italia intera. Oltre ai settecento anni dalla morte del poeta Dante Alighieri, ricorrono infatti anche i 1600 anni di vita dalla fondazione della città di Venezia, della Serenissima (25 marzo del 421 d.C), stando almeno alla fonte storica più importante al riguardo, il Chronicon Altinate. Oltre ad eventi organizzati in remoto e in streaming a causa della pandemia, ci saranno anche percorsi artistici guidati, guide per conoscere la città, il tutto con una bevanda d'elezione: il Prosecco Doc, che accompagnerà tutti i brindisi di questa occasione speciale.

Le celebrazioni dureranno per un anno intero

Venezia o la Serenissima, era un tempo conosciuta come la città Stato, la Repubblica marinara, ma città di terra e di acqua. Celebrare i suoi 1600 anni dalla fondazione significa restituire alla realtà questo significato. E anche se quest'anno bisognerà ancora accontentarsi delle celebrazioni in streaming e in video conferenze, visto che l'evento durerà fino al marzo del 2022, non è detto che il prossimo anno non si possa festeggiare dal vivo, magari brindando tutti di persona con la bevanda ufficiale dell'evento: il Prosecco Doc.

Il Consorzio di Tutela del Prosecco Doc sempre presente

Per tutti i dodici mesi delle celebrazioni, dunque, sarà sempre presente almeno una bottiglia di Prosecco Doc. Il Consorzio di Tutela del Prosecco Doc si conferma infatti un supporter della città di Venezia e nominato dal Comune della città partner ufficiale di questa prestigiosa ricorrenza e degli eventi collaterali. Lo si potrà trovare al Redentore, alla Mostra del Cinema che si terrà a settembre, durante la Regata storica, sempre in settembre, senza dimenticare il Carnevale, e prima di esso il Natale 2021 e il Capodanno 2022. Per l'occasione il Consorzio ha dato vita alla realizzazione di due bottiglie in edizione limitata, create apposta per i 1600 anni di Venezia. Si tratta di una bottiglia per il Prosecco Doc e di una per la versione Prosecco Rosé. Le bottiglie sono riconoscibili anche da etichette speciali. Al loro interno hanno infatti un logo che richiama il quadrilobo di Venezia, dal design contemporaneo ispirato dall'iconografia classica.

Innegabile la soddisfazione da parte del direttore generale del Consorzio di Tutela del Prosecco Doc, Luca Giavi: “Da tre anni il Prosecco DOC è la bollicina ufficiale della città di Venezia e, dunque, in una ricorrenza storica e speciale come i 1600 anni dalla fondazione non potevamo non esserci – sottolinea -. Siamo quindi davvero lieti e onorati di poter garantire, alla cittadinanza e ai turisti, importanti momenti di convivialità grazie alla presenza dei nostri vini ai maggiori eventi già in programma per questo lungo anno di celebrazioni”.

La partnership del Prosecco Doc con il Consorzio dei vini di Venezia

Non si può inoltre non citare la partnership del Consorzio Prosecco Doc con un altro Consorzio, quello di Vini Venezia, per l'occasione. Quest'ultimo, come fa notare Giavi: “riprendendo la grafica per le etichette studiata dal nostro Consorzio per le edizioni speciali di Prosecco DOC e Prosecco DOC Rosé, ha realizzato per “Venezia 1600 delle bottiglie di Merlot dedicate. Un’unione simbolica, quella dei due Consorzi, che sottolinea una volta in più il forte legame tra il territorio di produzione del Prosecco DOC e la magia di calli e canali veneziani, ad imperitura memoria della Serenissima”.

Non resta allora che seguire gli eventi veneziani uno per uno durante questo anno con accanto, ovviamente, una bottiglia di Prosecco Doc.

Lo Spritz perfetto: qual è il migliore Prosecco per ottenerlo?

13/03/2021
da Alberto Perini

Quando si dice “aperitivo” si pensa immediatamente allo Spritz. Questo cocktail alcolico composto da vino bianco frizzante, seltz ed Aperol con arancia, parte dal Nord Est dell'Italia per poi conquistare tutta la penisola. La dicitura “vino bianco frizzante” però a molti non soddisfa, perché si sa che per ottenere un signor Spritz serve un ottimo Prosecco. Ma qual è il Prosecco migliore per realizzare questo cocktail? Te lo diciamo in questo articolo.

Per un risultato perfetto meglio un grado zuccherino medio basso

Se segui questo blog sul mondo del vino da un po' o semplicemente sei un appassionato di Prosecco saprai che non sono tutti uguali. La procedura di preparazione, l'imbottigliamento, l'invecchiamento ne determinano sapore, aromi e grado zuccherino, oltre che di bollicine. Per uno Spritz impeccabile, che di solito viene servito come aperitivo, quindi per un pre-cena, e accompagnato da stuzzichini o finger food, meglio scegliere un Prosecco con un grado zuccherino medio basso. Un Conegliano-Valdobbiadene Brut, Doc o Docg ad esempio, potrebbe essere l'ideale. Anche perché vanno considerati anche gli altri ingredienti di preparazione, che sono l'Aperol, oppure (come varianti), il Campari rosso o anche il Martini (nella versione China). Perché un Brut? Perché ha un grado zuccherino che si attesta sotto i 12 grammi/litro, è fresco e fruttato, ed è noto per essere ricchissimo di sfaccettature aromatiche e di profumi. C'è chi, con questo mix, lo Spritz lo usa anche per accompagnare un pasto.

Alternative al Prosecco Extra Dry Doc o Docg

E se non volessi usare il Brut? Beh, certo, non sei vincolato a questa scelta, e dunque possiamo darti delle alternative. Lo Spritz riesce molto bene anche con un Extra Dry, quindi con un prosecco dal grado zuccherino che va tra i 12 e i 17 grammi/litro. In questo caso il risultato sarà leggermente più dolce e più “ruffiano”. Il sentore di mela e di acacia di alcuni prosecchi in particolare Extra Dry, si sposerà molto bene con l'aroma amarognolo dell'Aperol. Una scelta piuttosto inedita può infine prevedere un Prosecco Rosè Brut. Il nuovo arrivato nelle Doc Conegliano-Valdobbiadene infatti, presenta intensi sapori di agrumi rossi e di spezie, che si sposano in maniera perfetta con il gusto dell'Aperol e possono dar vita ad un cocktail dal gusto davvero sorprendente.

La ricetta per uno Spritz perfetto? Fai così

Lo Spritz è un cocktail piuttosto facile da preparare a casa. Basta calibrare bene gli ingredienti e mixarli. Ti serviranno:

  • Cubetti di ghiaccio
  • 1 o 2 fette di arancia
  • Prosecco (scegli tu tra le alternative proposte)
  • Aperol
  • Seltz, soda o acqua minerale

Preparazione

Prendi un bicchiere piuttosto ampio, meglio se un calice largo, versa dentro i cubetti di ghiaccio e fai seguire dal Prosecco senza creare troppa schiuma. A questo punto aggiungi l'Aperol e spruzza un po' di seltz. Se non hai il seltz puoi utilizzare acqua minerale molto frizzante e fredda. Completa con una fettina di arancia e bevi.

Come nasce lo Spritz (un po' di storia)

Lo Spritz è un cocktail che, come il Prosecco, deve molto al Veneto, in quanto venne creato proprio in questa regione nel diciannovesimo secolo. In realtà furono i soldati austriaci ad inventarlo, partendo dall'annacquare il vino bianco piuttosto corposo e alcolico dei territori veneti e friulani con dell'acqua o del Seltz. Da qui la parola “Spritz”, dal tedesco “Spritzen” cioè, che vuol dire “spruzzare”. Successivamente, nei primi anni del ventesimo secolo il cocktail venne molto perfezionato in un bar di Venezia, decidendo in pratica gli ingredienti principali: Prosecco, seltz e Aperol. Proprio dall'Aperol viene la sua colorazione stuzzicante, color arancio chiaro (ma è più scuro se si utilizza il Campari) e il suo retrogusto amarognolo, dovuto alle spezie del liquore aggiunto.

Prosecco e formaggi: quali sono gli abbinamenti più indicati

08/03/2021
da Alberto Perini

Uno degli abbinamenti più classici da provare con il prosecco, in generale è quello con i formaggi. Anche il prosecco, infatti, proprio come i vini rossi e i vini bianchi fermi, hanno formaggi ideali con cui essere assaporati, e che esaltano le loro caratteristiche (e viceversa). Oggi vediamo quali sono i formaggi che meglio si adattano ad essere assaporati con il Prosecco. 

Prosecco millesimato e formaggi erborinati: un accostamento inedito e straordinario

I formaggi erborinati (pensiamo al classico Gorgonzola, ma anche ai francesi Roquefort e Blue D'Auvergne, o gli inglesi Blue Stilton e Shropshire), sono noti per essere piuttosto complessi e forti nei sapori. Hanno quindi bisogno di un vino che ne eguagli la loro struttura. Di solito infatti vengono abbinati con rossi importanti, come un Brunello di Montalcino, un Amarone della Valpolicella o un Barolo. Tuttavia non sempre questo accostamento piace, soprattutto ai palati più delicati, che trovano esagerato questo insieme di sapori. L'amaro dei formaggi erborinati può essere così smorzato da un vino bollicine dei migliori e più preziosi, come un Prosecco Millesimato. Un Prosecco infatti non va a sovrastare il gusto intenso del formaggio, ma al contempo ne addolcisce il retrogusto amarognolo. Il perlage di un Millesimato, inoltre, lascia aromi freschi ed inconfondibili al gusto, dati anche dalle tipiche caratteristiche semiaromatiche delle uve Glera. Ecco perché le note fruttate di un Prosecco (di pera, ma anche di frutti di bosco o mela matura) possono dare enorme risalto ai formaggi erborinati.

L'abbinamento più classico: con i formaggi freschi e leggeri

Chi non avesse l'ardire di tentare l'accostamento inedito tra formaggi erborinati e Prosecco può restare sul classico e abbinarlo ai formaggi freschi, sia di capra che di mucca. È il caso tipico di ricotta, robiola, ma anche stracchino o squacquerone. Le bollicine danno infatti vigore al sapore fresco del formaggio, anche di tipo semi stagionato, e lo rendono perfetto anche insieme ad altri stuzzichini o finger food per aperitivi. La parola d'ordine è: stuzzicare.

L'equilibrio perfetto con i formaggi affumicati

Un'altra idea di degustazione può essere quella di pasteggiare con un Prosecco, e berlo per un pranzo o una cena informali, insieme con formaggi affumicati quali un caciocavallo fumé, una provola, una scamorza, una caciotta della tradizione contadina. In questo caso la frizzantezza data dall'anidride carbonica va ad esaltare il sapore affumicato, proprio perché lo riequilibra.

Con il Camembert e il Taleggio per un'esperienza da provare

Il Prosecco Docg di Conegliano Valdobbiadene si caratterizza per il giusto mix di aromaticità e di amarognolo sul finale. Ecco, proprio questa caratteristica, insieme alle immancabili bollicine, ne fa il compagno perfetto per un formaggio grasso come il Camembert. Le bollicine vanno infatti a portar fuori la cremosità del formaggio, rendendolo ancora più piacevole al palato. Bisogna dire poi che il risultato sarà diverso a seconda del grado zuccherino del Prosecco che viene scelto. Un consiglio se avete ospiti a tavola e desiderate fare bella figura? Servite un Camembert, un Brie o un Taleggio su un vassoio in legno, accanto ad uvetta di Corinto e frutti rossi essiccati. Accompagnate il tutto con un bel calice di Prosecco Docg Conegliano Valdobbiadene e lanciatevi in questa esperienza di gusto tutta da assaporare. E se volete farne invece una pietanza, provate a preparare un'insalata di Camembert con pere e pane nero, sempre con il nostro immancabile Prosecco.

Strumenti professionali per conservare il vino: quali sono e come si utilizzano

27/02/2021
da Alberto Perini

In uno dei nostri precedenti articoli abbiamo parlato di come conservare il vino per più giorni una volta aperto. Questo perché può capitare di voler conservare il vino un po' più a lungo rispetto alla sola giornata di apertura e perché non tutti riescono sempre a terminare l'intero contenuto di una bottiglia in poco tempo. Ci eravamo soffermati sui metodi artigianali, da adottare a casa e senza strumentazioni particolari. In proposito c'è da dire che esistono degli strumenti professionali per conservare il vino: quelli consigliati dai sommelier, per intenderci. Scopriamo insieme quali sono e come vanno utilizzati.

Il Coravin: metodo più amato dai sommelier

Nessuna illusione: partiamo subito dicendo che un sommelier non vi consiglierebbe mai di lasciare aperta una bottiglia di buon vino per più di un giorno. Se però si pone una domanda su come poter conservare un vino importante allora i professionisti di questa bevanda potranno dare qualche dritta utile sugli strumenti da utilizzare. Voliamo alto: parliamo del Coravin. Si tratta di un metodo di conservazione del vino che viene insegnato anche nelle scuole per sommelier e non è altro che una bomboletta piena di gas Argon a cui viene collegato un ago che serve ad “attraversare” il tappo di sughero del vino che è già stato aperto. Proprio attraverso il tappo il Coravin (chiamato così dalla casa produttrice statunitense) inietta gas argon, il quale va a ripristinare l'equilibrio organolettico del vino. Una volta bucato, il foro sul tappo infatti si richiude da solo. In questo modo un vino già aperto può restare intatto nel sapore per diverso tempo. Perfetto per i fermi, soprattutto rossi, non è però un metodo adatto per i bollicine, e non è per tutte le tasche. Un Coravin modello basic infatti parte dai 150 euro in su (poi ci sono a parte i pezzi di ricambio).

L'alternativa al Coravin: il Private Preserve Spray

Se non volete o potete spendere tanto per un oggetto deluxe da dedicare al vostro vino, l'alternativa “media” c'è e si chiama Private Preserve Spray. Essa adotta la stessa tecnica del Coravin, cioè Argon da iniettare all'interno della bottiglia di vino. A differenza del Coravin questo metodo può andar bene anche per i “bollicine” (come il Prosecco o il Lambrusco) e costa molto meno. Non ha però l'ausilio di un ago ma è una bomboletta dotata di una cannula che serve a spruzzare il gas. Con l'esperienza si riuscirà a capire quanto gas iniettare volta per volta nelle bottiglie. Il rischio infatti è quello di gasare troppo il vino. Se non volete di queste preoccupazioni, allora potete provare con il Cavevinum Dispenser, uno strumento che sa già quanto gas destinare a ciascuna bottiglia per mantenerne intatti sapori e odori per qualche giorno (una decina, di solito).

I metodi meccanici: la Caraffa di Savino e il Nitro Tap

Vi sono infine i metodi meccanici, a metà strada tra i rimedi artigianali e le precauzioni da adottare (tappi particolari, cantinette) e i metodi chimici di conservazione. Tra questi non possiamo non citare almeno la Caraffa di Savino: una semplicissima caraffa all'apparenza, che però riesce a separare il vino dall'ossigeno, ritardando considerevolmente il processo di ossidazione. Per ottenere risultati migliori il vino va sversato nella caraffa appena aperto, o poche ore dopo l'apertura. Infine, due parole per quello che è un altro metodo, che però si trova a metà tra la meccanica e la chimica: il Nitro Tap. Si tratta di un tappo al nitrato (da cui il nome) collegato alla bottiglia da una bomboletta di azoto. Questo tappo speciale sembra essere il rimedio di elezione per conservare per qualche giorno in più i vini spumanti.

Cantinette elettriche: quanto possono essere utili per il Prosecco?

04/02/2021
da Alberto Perini

Nel nostro blog abbiamo sempre tante cose da dire sul Prosecco, il che già da tempo ci ha portato a concludere che si tratta di un vero e proprio mondo a parte. Oltre alla consumazione del Prosecco, al suo abbinamento con i cibi più adatti, alla sua storia e a specifici strumenti che servono per gustarlo al meglio, oggi vogliamo concentrarci sulla sua conservazione. Conservare un Prosecco (ma in generale un vino) nel modo sbagliato può infatti comprometterne la qualità. Sì, ma come fare per conservare nel migliore dei modi le nostre bollicine preferite? Vediamolo insieme, scoprendo tutti i segreti di quello che è un aspetto da non sottovalutare.

Una cantina o un garage sarebbero l'ideale

Lo diciamo subito: conservare una bottiglia di Prosecco in un frigorifero domestico non è una buona idea se si supera il mese di tempo. L'ambiente del frigo delle comuni cucine è troppo secco, il che tende a seccare il tappo di sughero e a rovinare, di conseguenza, le nostre bollicine, con un inevitabile appiattimento di profumi e sapori. L'ideale sarebbe avere perciò a disposizione una cantina in casa. In questo luogo possono infatti essere garantiti tutti gli standard di conservazione per un vino: giusto grado di umidità, temperatura ideale, livello di luce, non degradazione degli aromi, etc. Pochi però hanno a disposizione una cantina nella loro abitazione: soprattutto per chi vive in un condominio, ed è appassionato di vini, si tratta di un sogno! L'alternativa potrebbe allora essere un garage: anche in questi spazi i parametri di conservazione del Prosecco potrebbero essere rispettati, a patto che non si esponga il vino ai troppi odori di benzina delle auto o delle motociclette parcheggiate.

Alternativa per chi ha poco spazio: le cantinette elettriche

Ma se non si dispone neppure di un garage? In questo caso quale potrebbe essere una soluzione alternativa? Un'idea è quella di adibire una stanzetta in casa a cantinetta, o ancora riservare un piccolo angolo di una stanza alla conservazione del nostro Prosecco all'interno di una cantinetta elettrica. Se non hai mai sentito parlare di cantinette elettriche ti spieghiamo cosa sono.

Cantinette elettriche: cosa sono e in quali casi usarle

Una cantinetta elettrica non è altro che un frigorifero speciale, appositamente progettato per conservare al meglio i vini. Esistono perciò moltissime tipologie di cantinette, anche a seconda del vino che vogliamo conservare: quelle per i bianchi sono ad esempio regolate diversamente rispetto ai rossi, e quelle per i bollicine (vini frizzanti, Prosecco o Champagne) avranno delle caratteristiche ancora diverse. In commercio ne esistono di tutti i tipi, per tutte le esigenze e di tutte le grandezze: dalle 6 fino alle 300 bottiglie, dipende dalla quantità di spazio che si ha a disposizione, dall'uso che se ne deve fare e da quanto si è intenditori di vini.

I parametri da rispettare per la conservazione di un Prosecco

In generale i vini bianchi devono essere conservati a temperature più basse rispetto ai rossi. I vini frizzanti o bollicine, con fermentazione naturale o meno, vanno tenuti ancora più al freddo. La temperatura perfetta si aggira intorno agli 11-12 gradi. Da non sottovalutare poi il livello di umidità, che deve essere alto ma non totale: tra il 60 ed il 70% si situa il range ottimo per il Prosecco. Una cantinetta elettrica ha il pregio di poter essere regolata con il grado di temperatura e umidità desiderati, e inoltre può essere impostata anche con la luce che si ritiene più opportuna, in modo da non alterare le proprietà organolettiche del nostro Prosecco.

Decanter: a cosa serve e quando deve essere utilizzato?

27/01/2021
da Alberto Perini

Chi è appassionato di vini avrà sicuramente sentito già parlare del “decanter”, uno strumento che molti ritengono utile (e alcuni altri solo scenografico) che aiuta ad "estrarre" determinate caratteristiche da particolari vini che necessitano maggiore ossigenazione. Se siete comunque curiosi di sapere qual è lo specifico utilizzo di un decanter e quali sono le "correnti di pensiero" dei vari esperti, qui vi diamo tutte le indicazioni.

Cos'è il decanter: strumento che fa scena o anche utile?

Anche se c'è chi utilizza il decanter esclusivamente per “fare scena”, ciò non toglie che si tratta di uno strumento funzionale per chi ama il vino e lo conosce alla perfezione. Partiamo da cos'è il decanter. Un decanter (parola francese che si riferisce al verbo italiano “decantare”) è un oggetto simile ad una brocca dalla base molto larga e dal collo molto lungo, in cui versare il vino. Spesso in cristallo - ma lo si trova anche in diversi tipi di vetro - serve a far decantare il vino. Ciò ci conduce a due utilizzi:

  • Nei vini invecchiati, il decanter serve a separare i sedimenti;
  • Nei vini più giovani favorisce l'ossigenazione, esaltando tutti i profumi e gli aromi, facendoli “venire fuori”.

Attenzione, però: il decanter non va usato sempre, anzi! Talvolta i vini potrebbero essere rovinati dal passaggio in questo strumento. In questi casi infatti può bastare un calice ad hoc per raggiungere lo stesso obiettivo.

Quando è consigliato il decanter e quando sarebbe meglio evitare

Non sempre dunque l'utilizzo del decanter è necessario, anzi, si fa sempre più forte e convinta la teoria che vada usato solo quando ci si trova di fronte a certe particolari tipologie di vini. Nel caso del vino bianco, ad esempio, se si tratta di un vino giovane, fino ad un anno e vinificato in acciaio il decanter non va assolutamente usato perché rovinerebbe la struttura fresca e vivace del vino stesso. Lo stesso vale per vini dai 2 ai 5 anni, sempre vinificati in acciaio, e per quelli di 5 anni vinificati in botte o in barrique. Si rivela più adatto, invece, quando il vino ha tra i 5 e i 10 anni, è stato vinificato in botte o in barrique e presenta dei sedimenti sul fondo se la bottiglia è stata tenuta in piedi, o lungo la parete se la bottiglia è stata conservata orizzontalmente. E per quanto riguarda i rosé? Per questi vini un passaggio in decanter consente di liberarsi di quegli aromi sgradevoli che lasciano i solfiti. Ciò vale in generale in tutti i vini che si desideri “affrancare” da un certo aroma di chiuso.

Il decanter e i vini spumanti o frizzanti: dal Prosecco allo Champagne

Questo prezioso strumento ad ampolla viene comunque spesso associato alla degustazione di vini rossi e corposi. Può sembrare pazzesco (e anche noi prendiamo le distanze da questo utilizzo), soprattutto negli ultimi tempi, molti sommelier hanno sdoganato il suo utilizzo anche per i vini bollicine, perfino per lo Champagne. A difesa di questa scelta, c'è chi dice che già in tempi antichi, per la creazione dello Champagne quest'ultimo veniva fatto decantare per separare i lieviti dalla bevanda, cosa che oggi non è più necessaria, perché questo processo avviene con la fermentazione meccanica. Quando perciò viene portata l'obiezione di non utilizzare un decanter per gli Champagne, o in generale per le bollicine nate da fermentazione da lieviti, c'è chi sostiene che le bollicine non vanno perse, bensì accentuate. Diverso il discorso, invece per i vini Prosecco che hanno subìto l'aggiunta di anidride carbonica: in questo caso le bollicine è sicuro che andrebbero perse dal passaggio in decanter, anziché essere sublimate.


E allora? Decanter si o decanter no? Il nostro consiglio è scegliere sulla base dei propri gusti e non sui dogmi che, spesso, sono anche legate a mode e correnti di pensiero che il tempo inesorabilmente mette in discussione.

Per le feste di Natale gli italiani scelgono ancora il Prosecco

25/12/2020
da Alberto Perini

In occasione delle feste natalizie 2020, gli italiani non si fanno scoraggiare dalle restrizioni dovute a causa del Covid 19, e decidono comunque di brindare. Come? Con le bollicine Made in Italy, prime fra tutti quelle del Prosecco Doc e Docg. Vediamo allora nei dettagli quali sono i vini spumanti più venduti (e di conseguenza più acquistati) nel nostro Paese e come possono essere bevuti accanto alle pietanze tipicamente natalizie.

Il Prosecco, il vino simbolo delle feste

Proprio così: dagli italiani i vini spumanti vengono considerati simbolo di festeggiamenti, e vengono stappati in numeri che non accennano a calare, anche nonostante il periodo di forti limitazioni e di un'atmosfera sottotono. Quest'anno, perciò, basta con lo Champagne: si fa di tutto per sostenere la propria economia, e i vini spumanti (Prosecco in prima linea) ne sono grande testimonianza. A questo proposito è interessante leggere i risultati di un sondaggio che la Uiv, l'Unione italiana dei vini, ha portato avanti insieme con la rete rurale nazionale Ismea. Risultati che parlano di aumenti sulla vendita di vini spumante da parte dei produttori italiani (273 milioni di bottiglie, con un rialzo dell'1,3% rispetto al 2019) e di questi 74 milioni vengono acquistati solo in Italia. Del resto, gli spumanti italiani sono davvero tanti e di tante tipologie diverse, per cui c'è solo l'imbarazzo della scelta nell'acquisto.

Gli spumanti più apprezzati, secondo la tipologia 

Il primato spetta dunque al Prosecco. Ricordiamo che si tratta di un distretto produttivo che ha fatto quasi dei miracoli in questi ultimi anni. Non a caso è stato insignito della grande onorificenza di essere Patrimonio mondiale dell'Unesco. Oggi sono 1150 le cantine che sono anche aziende vitivinicole in zona, con 350 case spumantistiche. All'interno dei vini Prosecco una bella fetta di vendite spetta anche al nuovo arrivato del Prosecco Rosé, che sta conquistando sempre più appassionati entusiasti del prodotto. Seguono in classifica gli spumanti di Franciacorta, realizzati con metodo classico, con uve Chardonnay e Pinot Nero (ricordiamo le denominazioni dell'Oltrepò Pavese e del Trento Doc). Accanto a questi due grandi classici vanno poi inserite le tipologie autoctone che si sono convertite anche alle bollicine. Pensiamo, ad esempio, ai vini rossi e rosati pugliesi, oppure al Lambrusco Emiliano, altro vino che ormai va sempre più sulle tavole di Natale.

Donne e giovani i clienti tipo

La clientela tipica del Prosecco, o in generale dei vini bollicine, cioè coloro che li apprezzano di più, è data dalle donne e dai giovani. Insomma, l'identikit del consumatore ideale, secondo i dati resi noti da Wine Intelligence lo scorso mese di novembre, ha a che fare soprattutto con i Millennials, che vantano molta confidenza con l'e-commerce, e affidano a questo canale anche l'acquisto dei vini bollicine. 

Come va bevuto il Prosecco a Natale? Si badi al grado zuccherino

Una volta acquistato il Prosecco come va bevuto? Come lo si accosta alle pietanze natalizie? Fermo restando l'assunto che ognuno deve agire secondo i propri gusti (perché non deve essere una dittatura quella dello spumante dolce con il panettone!) è buona norma tenere conto del grado zuccherino di un Prosecco. In un articolo di qualche tempo fa su questo blogabbiamo parlato della differenza tra Prosecco Dosaggio zero (il più secco di tutti, perfetto con le pietanze di pesce), il Brut (un tantino più morbido del dosaggio zero), l'Extra Dry (il più versatile tra i Prosecchi), il Dry o Demi Sec e infine il Dolce, il più zuccherino in assoluto, adattissimo ad accompagnare i dessert.

Regalare il Prosecco a Natale: ecco perché può essere un'idea geniale

18/12/2020
da Alberto Perini

Quando il Natale si fa più vicino inevitabilmente ci sarà qualcuno che non ha ancora deciso quali regali prendere. Sia che si tratti di mancanza di tempo o di voglia di impegnarsi nella ricerca, resta il fatto che sono in molti a non avere la più pallida idea di cosa regalare sotto l'albero. Un'idea che può mettere tutti d'accordo ha (inaspettatamente?) a che fare con il Prosecco. Piace a tutti, e anche a chi non piace resta un regalo gradito da poter offrire agli ospiti. Ecco allora perché regalare delle bottiglie di Prosecco a Natale può davvero risultare un'idea geniale.

Una bottiglia di bollicine non viene mai lasciata piena

Il Prosecco si conferma tra i vini bollicine più acquistati al mondo. Ci sarà un motivo, no? Già, regalare un vino a Natale è un'idea interessante, ma con i vini fermi o con certi rossi si rischia di sbagliare. Un Prosecco, invece, può essere considerato un passpartout. Il motivo? Piace praticamente a tutti (anche a chi ne beve appena un goccio) e quando non piace può essere comunque offerto. Una bottiglia di Prosecco dà poi immediatamente il sentore di festa, minimalista o sopra le righe che sia. Presentarsi con un regalo come una o più bottiglie di un buon Prosecco Docg italiano, poi, metterà le persone di buonumore.

Può essere adattato al budget e ai gusti delle persone a cui va regalato

Arrivare a casa degli amici, dei suoceri, del capo aziendale con una bottiglia di Prosecco ben scelto mette in buona luce, questo è chiaro. È, insomma, un dono che viene apprezzato in maniera universale. Sarebbe buona abitudine prestare attenzione, però, ai gusti delle persone che ricevono il regalo. Se si tratta di amici che hanno alte aspettative in termini di vino, consigliamo il nostro Prosecco Superiore Spumante Brut D.O.C.G. Cuvée, prosecco ottenuto selezionando le uve di alta collina della zona di Valdobbiadene. Se stiamo regalando prosecco a chi solitamente pasteggia bollicine fuori pasto o come base per cocktail alla frutta con il dessert e la frutta fresca, consigliamo un Extra Dry di qualità come il nostro Prosecco Superiore Spumante Extra Dry D.O.C.G. Millesimato.

Un Prosecco può suggellare un'occasione importante

Un altro motivo per cui regalare un Prosecco può essere un'idea vincente ha a che fare con il festeggiamento di un'occasione importante. Un buon Prosecco è perfetto per sancire l'ufficialità di un'occasione o di un evento, quale può essere un anniversario, un compleanno importante, una promozione in azienda o, appunto Natale e Capodanno.

Prosecco, Franciacorta e Champagne i vini più regalati

A Natale sale la voglia di bollicine, questo è un fatto. I numeri ogni anno parlano chiaro, ponendo i vini spumanti come Prosecco e Franciacorta come i più scelti per i regali di fine anno tra i vini. Come del resto sottolinea anche l'Osservatorio Statistico economico sui mercati, “Nei giorni di festa, il consumo delle bollicine italiane, nonostante l'Era Covid, ha tatalizzato un giro d’affari di milioni di euro. In netto calo, invece, lo Champagne. Preferiti gli aromatici secchi, rispetto ai tradizionali dolci. Il panettone piace anche con un brut”.